Goku la leggenda



La storia di Gokuh, in realtà è un'antica e famosissima leggenda orientale molto conosciuta anche dalle nostre parti; tant'è vero che persino Manara ha pubblicato una sua versione a fumetti dello scimmiotto di pietra: inoltre varie versioni a cartone animato ci sono giunte dal Giappone prima ancora del capolavoro di Toriyama (ricordate Monkey o Starzinger), leggendo l'enciclopedico "Datoseikiki" scritto da Sanzo Hoshi, tra le molte leggende troviamo Saiuki (Viaggio ad ovest). La storia narra di uno scimmiotto di pietra nato da un uovo partorito dalla montagna. Lo scimmiotto di nome Gokuh era entrato in possesso, in un modo non troppo onesto, del magico Nyoibo, un bastone in grado di allungarsi e accorciarsi a comando, e della nuvola Kinton, la nuvola d'oro sulla quale vola. Questo scimmiotto è oltremodo ambizioso come pochi: arriva a sfidare Buddha affermando di essere in grado di raggiungere i confini dell'universo sulla sua nuvola Kintom, ma poi scoprirà di aver percorso solamente il palmo della mano do Buddha. Si unisce in seguito ad uno strano gruppo di viaggiatori diretto ad ovest, e composto dal monaco Sanzo Hoshi, dal maiale Hakkai e dal kappa Sagajo. Proprio le peripezie di questo strano gruppo di amici, ha acceso la fantasia di molti mangaka giapponesi da Osamu a Toriyama. Noi supponiamo che un altro spunto per Dragon Bali sia venuto attraverso la leggenda di Urashima Taro: un giorno Taro vide un gruppo di ragazzacci che stavano torturando una testuggine. Senza perdersi d'animo corse a salvare l'animale(come fece Gokuh in uno dei primi episodi della serie). Questa per ringraziarlo lo portò con se nel palazzo sottomarino del Re Dragone, dove Taro si stabilì per qualche tempo in compagnia della bella principessa Oto. Un giorno però Taro sentì molta nostalgia del suo mondo e chiese al Re Dragone di farlo tornare a casa. Ma una volta uscito dal palazzo non sarebbe più potuto rientrare; la principessa Oto gli regala un cofanetto legato con un cordoncino rosso dicendogli di aprirlo solo in caso di necessità. Tornato sulla Terra, però Taro non conosceva più i luoghi che gli erano famigliari, e neanche le persone che c'erano intorno a lui, così aprì il cofanetto e all'improvviso si ritrovò vecchio, Infatti egli era rimasto nel palazzo per moltissimi anni e il cofanetto li aveva conservati.